Durante le festività Natalizie, i nostri uffici resteranno chiusi dal pomeriggio di venerdì 22 dicembre 2023 a venerdì 5 gennaio 2024. Riprenderemo le normali attività a partire da lunedì 8 gennaio 2024. Durante il periodo di chiusura il servizio telefonico non sarà attivo, ma resterà disponibile il supporto via e-mail: potrete inviare le vostre eventuali richieste all’indirizzo helpdesk@goldtesoreria.it (il servizio sarà attivo in forma ridotta). Grazie, Il team di Albasoft – Padova.

Rinvio del Codice della Crisi di Impresa a Luglio 2022 e nuova procedura di composizione negoziata: cosa cambia?

rinvio del codice della crisi di impresa
Il governo Draghi ha approvato il decreto che rinvia il Codice della Crisi di Impresa al 15 Luglio 2022. Rinviata anche l’entrata in vigore degli strumenti di allerta al 2024. Spicca l’introduzione della nuova procedura di composizione negoziata per la soluzione della crisi di impresa. Come funziona? Cosa devono tenere in conto le imprese e gli imprenditori?

Tabella dei Contenuti

[Il Rinvio del Codice della Crisi di Impresa è stato trattato anche in questo articolo]

Rinvio del Codice della Crisi di Impresa: lo scenario e i perché

Il rinvio del Codice della Crisi di Impresa avviene in un contesto di pandemia che ha messo in difficoltà migliaia di imprese italiane.

Il decreto, strutturato su proposta del premier Draghi e della Ministra della Giustizia Cartabria, introduce misure urgenti per far fronte a questa grave condizione, con l’obiettivo di supportare le imprese danneggiate dall’emergenza sanitaria.

Ora il Decreto è Legge, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale in data 24 agosto 2021.

Secondo quanto riportato dal sito del governo, le misure urgenti in materia di crisi e di risanamento aziendale sono quattro:

  1. Rinvio del Codice della Crisi di Impresa al 17 Luglio 2022 , per adeguarne gli istituti alla direttiva 2019/1023; 
  2. Introduzione dell’istituto della “composizione negoziata della crisi”, come nuovo strumento di ausilio alle imprese in difficoltà finalizzato al loro risanamento;
  3. Modifica della legge fallimentare, con l’anticipazione di alcuni strumenti di composizione negoziale già previsti dal codice della crisi;
  4. Rinvio al 31 dicembre 2023 del Titolo II sulle misure di allerta.

In questo articolo chiariamo e approfondiamo le novità introdotte.

date rinvio codice della crisi di impresa

Rinvio del Codice della Crisi di Impresa: date e novità

Dopo un primo rinvio del Codice della Crisi di Impresa al 16 maggio 2022, per supportare le imprese nel difficile periodo pandemico, la data definitiva di entrata in vigore è stata stabilita per il 15 Luglio 2022.

Molte attività erano infatti già pronte all’entrata in vigore annunciata per settembre 2021, mentre altre non lo erano. 

Il rinvio permette quindi alle attività di provvedere con l’adeguamento e prende tempo per adeguarsi alla direttiva europea  2019/1023 in materia di ristrutturazione, insolvenza ed esdebitazione.

esperto composizione negoziata crisi di impresa

Cos’è la nuova procedura di composizione negoziata

Con il Decreto Legge del 6 agosto 2021 è stato di fatto soppresso l’Ocri, l’Organismo di composizione della crisi di impresa presente in ogni camera di commercio. 

L’Ocri viene sostituito con l’introduzione della composizione negoziata per la soluzione della crisi di impresa, che avrà come ente di riferimento la camera di commercio dove è iscritto l’imprenditore.

Lo stesso imprenditore, può presentare domanda di composizione negoziata su una piattaforma telematica nazionale e verrà affiancato da un esperto con lo scopo di risanare la sua impresa.

Per accedere alla piattaforma non servono requisiti minimi di dimensione aziendale, perché è stata progettata come uno strumento che può essere impiegato da tutte le attività iscritte al registro delle imprese.

Il ruolo dell’esperto che affiancherà l’imprenditore nella composizione negoziata

Chi sarà l’esperto che si occuperà di affiancare l’imprenditore nella composizione negoziata?

Si tratta di un professionista nominato da una commissione creata dalla Camera di Commercio.

Per reperire queste figure, la Camera di Commercio dovrà attingere da un elenco a cui possono iscriversi i professionisti interessati a ricoprire questo ruolo e che sono in possesso di specifici requisiti di formazione.

Si tratta di professionisti iscritti 

  • All’albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili
  • All’albo degli avvocati da almeno cinque anni 

I professionisti devono documentare di avere avuto esperienze precedenti nell’ambito della crisi di impresa, dei risanamenti aziendali e della ristrutturazione dei debiti.

Potranno iscriversi anche i professionisti appartenenti da almeno cinque anni all’albo dei consulenti del lavoro e i professionisti non iscritti in albi professionali, a condizione che possiedano competenze specifiche, dettagliate nel decreto.

Quale ruolo avrà questa figura? 

Si tratta di un negoziatore, quindi di un professionista chiamato ad agevolare e mediare le trattative fra impresa e creditori, ma anche fra impresa e altre figure come gli stakeholders e anche i lavoratori.

piattaforma composizione negoziata

La piattaforma informatica per la composizione negoziata

Come visto, a seguito dle rinvio del Codice della Crisi di Impresa, gli imprenditori potranno accedere a una piattaforma telematica per la composizione negoziata.

Al suo interno ci sarà 

  • una lista di controllo che contiene le indicazioni per redigere il piano risanamento
  • un test di auto analisi per verificare la ragionevole perseguibilità del risanamento 
  • una sezione per la nomina dell’esperto che assisterà l’impresa nella composizione negoziata

Vantaggi per l’imprenditore

È prevista la possibilità di richiedere delle misure protettive del patrimonio e dei meccanismi premiali come interessi e sanzioni ridotti dei debiti tributari dell’imprenditore.

Le modifiche alla legge fallimentare

Il nuovo decreto prevede delle modifiche alla legge fallimentare, che interessano diversi aspetti:

  • i chiarimenti su l’omologazione del concordato preventivo
  • gli accordi di ristrutturazione e la sua efficacia estesa
  • la convenzione di moratoria
  • gli accordi di ristrutturazione agevolati
  • gli effetti degli accordi di ristrutturazione per coobbligati e soci illimitatamente responsabili.
  • la fiscalità

Rinvio al 31 dicembre 2023 del Titolo II sulle misure di allerta

Per stessa dichiarazione del governo, il rinvio del Codice della Crisi di Impresa e delle misure di allerta è stato previsto per sperimentare l’efficacia della composizione negoziata e rivedere i meccanismi di allerta contenuti nel codice della crisi d’impresa.

rinvio codice crisi di impresa cosa fare

Al di là del rinvio: cosa può fare l’imprenditore oggi

Il rinvio del Codice della Crisi di Impresa mescola le carte nel tavolo ma non cambia due punti sostanziali di cui l’imprenditore  deve far fronte con scelte e azioni operative:

  1. Disporre di un adeguato assetto organizzativo

2. Tenere monitorato l’equilibrio economico finanziario dell’impresa, anche in modo prospettico.

Come agire in questo secondo punto?

La risposta è nel calcolo degli indicatori, soprattutto nel DSCRil servizio del debito, ovvero l’ammontare che serve per  pagare gli interessi e le rate capitale dei finanziamenti alle imprese.

In pratica, il DSCR verifica quanto il flusso finanziario generato è in grado di coprire il servizio del debito.

Calcolarlo internamente è utile se non vitale per le imprese e può essere fatto impiegando un completo software per la gestione del cash flow come GOLD La Tesoreria.

GOLD La Tesoreria e le sue integrazioni permettono infatti di calcolare il DSCR in modo agevole e di monitorare nel tempo le eventuali variazioni dell’indice, analizzando in modo reale la capacità dell’impresa di far fronte agli impegni finanziari presi.

Richiedi QUI le informazioni sul software GOLD per gestire il cash flow aziendale.

analisi di grafici - liquidità aziendale

Cosa possono fare le imprese per prepararsi al meglio

Il rinvio del Codice della Crisi di Impresa e la composizione negoziata hanno lo scopo di semplificare la procedura di risanamento di eventuali situazioni di crisi, adattandola a uno stato di emergenza come quello attuale.

Prevenire lo stato di insolvenza, per salvaguardare il valore dell’impresa e il suo patrimonio, è comunque una scelta in mano all’imprenditore, che può attuare nella pratica dotandosi dei corretti sistemi informatici per la gestione della tesoreria aziendale.

Dalla corretta gestione del cash flow dipende infatti la possibilità di governare questo comparto così importante, ma anche di poter avere le basi per prendere decisioni strategiche a breve, medio e lungo termine.

Infine, il software per la gestione della tesoreria permette, come visto, di effettuare calcoli di indicatori specifici che permettono di verificare e anticipare eventuali situazioni di allarme.

GOLD La Tesoreria è lo strumento già scelto da migliaia di aziende soddisfatte in tutta Italia, per la sua semplicità d’uso e la sua completezza.

Se desideri informazioni sul software per la gestione della tesoreria GOLD, ti invitiamo a cliccare qui per contattarci.

Se hai trovato interessante questo contenuto condividilo:
Facebook
Twitter
LinkedIn
Redazione
La redazione di GOLD LA TESORERIA annovera professionisti specializzati nei settori della finanza, del fintech, del credito e della gestione di impresa. I contributi sono frutto dell’esperienza professionale e del costante studio, ricerche e studio di dati e statistiche.

Altre News

riconciliazione incassi

Riconciliazione degli incassi: è tempo di automatizzare

Quando un’azienda riceve un pagamento si mette in moto un processo chiamato riconciliazione degli incassi.

Dal punto di vista contabile, con questo processo si abbina il pagamento, ovvero l’incasso ricevuto, alla partita contabile aperta, ovvero a quella relativa a ciò che ha generato il credito.

Quando svolto manualmente, questo processo è voluminoso in termini di richiesta di attenzione.

Inoltre, può generare errori, con conseguente dispendio di tempo e di energie che potrebbero essere dedicati a operazioni di più alto valore.

Come risolvere? La risposta arriva dalla digitalizzazione della riconciliazione degli incassi, che permette di limitare il margine di errore e di poter contare su una soluzione automatica ‘salva tempo’ e ‘salva energia’.

Ne parliamo in questo articolo.

analisi fonti di finanziamento aziendali

La tesoreria accentrata per scegliere le migliori fonti di finanziamento aziendale

La tesoreria accentrata rappresenta una scelta illuminata per i gruppi di media e grande dimensione, che vogliono progredire con l’ottimale gestione dei flussi finanziari.

Questo perché, grazie alla tesoreria accentrata, i gruppi che presentano una struttura articolata e una compresenza di società magari distinte ma complementari, possono unire sotto lo stesso tetto diversi aspetti del ciclo finanziario, governandoli meglio e con più profitto.

Fra i benefici della tesoreria accentrata vi è indubbiamente la possibilità di analizzare, valutare e quindi scegliere le migliori fonti di finanziamento.

Facciamo il punto in questo articolo.

rischi di tesoreria

Rischi di tesoreria: scopri come proteggere la tua impresa

In diverse aziende la tesoreria è spesso vista come un’attività ‘Cenerentola’.

Seppure questo comparto oggi sia sotto i riflettori per le richieste di monitoraggio del Nuovo Codice della Crisi di Impresa, è cruciale per ogni azienda dare il giusto valore alla sua gestione.

E per capire in cosa consiste il valore della buona tesoreria, possiamo definire quali sono i rischi legati a una mancata gestione di questo comparto.

Il primo è la perdita del polso dei flussi di cassa, a cui segue la mancata possibilità di accedere al credito con buone condizioni e, in generale, la mancata conoscenza delle dinamiche finanziarie che avvengono quotidianamente in azienda.

Ne parliamo in questo articolo.

legge 155

Ex Legge 155: cosa chiede agli imprenditori il nuovo Codice della Crisi di Impresa?

Anche se rinviata a maggio 2022, la nuova Legge 155, Codice della Crisi d’Impresa, ha l’obiettivo di permettere all’azienda di prevenire lo stato di crisi con una diagnosi precoce delle difficoltà in cui può trovarsi.
Il nuovo Codice della Crisi di Impresa capovolge l’idea di crisi e si concentra sulla prevenzione, da attuarsi mediante calcoli sistemici e revisioni costanti. L’ottica nuova e che l’imprenditore è chiamato ad adottare è forward looking, ovvero rivolta al futuro.

Partecipa ad una Dimostrazione di Gold La Tesoreria (senza impegno)

Richiedi una presentazione personale diretta (one to one) con orari da concordare
* Campi obbligatori

* Campi obbligatori

* Campi obbligatori

Abbiamo ricevuto la Tua richiesta

Grazie

Ti confermiamo che abbiamo ricevuto le informazioni.

Sarai ricontattato da helpdesk
o dai nostri referenti commerciali e di assistenza.

Abbiamo ricevuto la Tua richiesta

Grazie

Il modulo è stato inviato con successo!

Nella Tua casella di posta hai ricevuto una email di conferma.

Potrai assistere alla presentazione di Gold La Tesoreria.

Nelle prossime ore Ti contatteremo per confermare il Tuo appuntamento. 

A presto