Chiusura dei servizi in occasione del ponte del 25 Aprile. Informiamo che i nostri uffici resteranno chiusi i giorni giovedì 25 e venerdì 26 Aprile 2024. Durante la chiusura, il supporto telefonico e il servizio di Help Desk non saranno disponibili. Tutte le attività riprenderanno normalmente lunedì 29 Aprile 2024. Grazie, Il team di Albasoft – Padova.

La tesoreria accentrata per scegliere le migliori fonti di finanziamento aziendale

analisi fonti di finanziamento aziendali
La tesoreria accentrata rappresenta una scelta illuminata per i gruppi di media e grande dimensione, che vogliono progredire con l’ottimale gestione dei flussi finanziari. Questo perché, grazie alla tesoreria accentrata, i gruppi che presentano una struttura articolata e una compresenza di società magari distinte ma complementari, possono unire sotto lo stesso tetto diversi aspetti del ciclo finanziario, governandoli meglio e con più profitto. Fra i benefici della tesoreria accentrata vi è indubbiamente la possibilità di analizzare, valutare e quindi scegliere le migliori fonti di finanziamento. Facciamo il punto in questo articolo.

Tabella dei Contenuti

fonti di finanziamento aziendale

Fonti di finanziamento aziendale: i benefici della tesoreria accentrata

Le diverse società che fanno parte di un gruppo, presentano solitamente caratteristiche e peculiarità proprie.

Può trattarsi di una diversa capacità di generare liquidità, di cicli finanziari variabili nella durata, anche di scelte diverse in materia di investimenti e di approvvigionamenti.

Queste specificità sono normali quanto essenziali, ma possono riflettersi sull’andamento del gruppo, quindi anche sul profilo di rischio complessivo.

Qui entra in gioco la tesoreria accentrata, che sa rendere più omogenee le politiche finanziarie, con benefici riflessi sul gruppo nel suo complesso.

Quali?

In particolare, la tesoreria accentrata permette di controllare, e anche di programmare, delle dinamiche finanziarie più efficienti, perché ottimizza la gestione delle risorse, apre le porte a una possibile riduzione del rischio e permette di selezionare le fonti di finanziamento migliori, contendo i costi.

scegliere le fonti di finanziamento

Panoramica delle fonti di finanziamento aziendale

Reperire finanziamenti a titolo di capitale di terzi è funzionale alla vitalità dell’azienda, ma lo è altrettanto scegliere fonti corrette e il più convenienti possibili in termini di resa e condizioni.

Resa e condizioni che, grazie alla tesoreria accentrata, possono essere monitorate con precisione nei costi, nelle condizioni e nelle durate.

Di seguito una panoramica delle maggiori fonti di finanziamento aziendale.

Finanziamenti erogati dalle banche

Si tratta di prestiti o mutui, garantiti da ipoteche, titoli o garanzie personali.

Fra le fonti di finanziamento aziendale, si tratta probabilmente della più conosciuta, ovvero l’impresa richiede credito alle banche e agli istituti preposti, per finanziare i propri progetti.

Alla base di un buon accesso al credito ci sono diversi fattori, tutti analizzabili grazie alla puntuale gestione della tesoreria.

Leasing finanziario

Con il leasing, l’impresa acquista un bene strumentale attraverso un soggetto che si chiama ‘locatore’, che può essere, ad esempio,  una società di leasing.

Il locatore acquista il bene e lo concede in locazione all’impresa, a fronte del pagamento di un canone in denaro versato periodicamente.

Una volta terminato il periodo stabilito per la locazione, l’impresa può scegliere se riscattare il bene pagando un prezzo predefinito, oppure lasciarlo alla società di leasing.

Un esempio comune di leasing finanziario è l’approvvigionamento di macchinari in leasing o di automezzi (automobili, furgoni, camion…) in leasing e il finanziamento in questo caso avviene perché l’impresa non sostiene il costi di acquisto (sostenuti dal locatore) e trae vantaggio dalla possibilità di pagare a rate.

Soluzioni di finanza agevolata

La finanza agevolata comprende strumenti fiscali e finanziari, che il legislatore mette a disposizione delle imprese, per favorire i progetti di sviluppo e ammodernamento.

In questo caso, le fonti di finanziamento aziendale passano attraverso dei bandi, che possono essere erogati da enti (Regioni, Camere di Commercio, Unione Europea…).

◆ Smobilizzo dei crediti

Si tratta di operazioni che permettono all’imprenditore di trasformare in liquidità i crediti che hanno una scadenza futura.

In pratica, si cerca di convertire un incasso futuro incerto, in un flusso di denaro certo.

Le forme più comuni di smobilizzo dei crediti sono l’anticipo salvo buon fine SBF, l’anticipo sulle fatture, lo sconto cambiario e il factoring (cessione regolata dei crediti a un operatore). 

◆ Crowdfunding

Il crowdfunding può essere considerato a tutti gli effetti una delle fonti di finanziamento aziendale più attuali.

Il sistema di finanziamento ‘parte dal basso’, ovvero si tratta di una raccolta di fondi che avviene in determinate piattaforme, attraverso cui l’impresa finanzia determinati progetti con l’intervento di investitori esterni.

Esistono diverse tipologie di crowdfunding e oggi, anche in Italia, sono attive diverse piattaforme dedicate a questa forma di finanziamento alternativa per l’impresa

tesoreria accentrata e fonti di finanziamento per azienda

Dall’analisi di tesoreria le migliori fonti di finanziamento aziendale

L’impresa può scegliere in autonomia le proprie fonti di finanziamento aziendale.  

L’orientamento può seguire la formazione dell’imprenditore, ma anche i rapporti intercorsi nel passato con banche o società che si occupano di leasing, finanziamenti, factoring…

Il ruolo della tesoreria accentrata assume, in questo scenario, un ruolo analitico, che va oltre le scelte personali e parla la lingua dei numeri.

Accentrando l’analisi finanziaria delle società che fanno parte di un gruppo, è infatti possibile effettuare un’analisi puntuale di ogni aspetto relativo alle fonti di finanziamento prescelte.

Si allungheranno i tempi di analisi e sarà complesso effettuarla?

Tutt’altro, perché disporre di dati ordinati limita i tempi che questo lavoro richiede, grazie alla chiara reportistica generata dal software di gestione della tesoreria.

Gestire con rapidità e chiarezza gli aspetti finanziari è oggi imprescindibile per ogni gruppo e impresa.

Per questo, GOLD La Tesoreria aiuta gli imprenditori e gli addetti al comparto a farlo in modo definito, chiaro e diretto, grazie a un software di treasury management che permette di analizzare le caratteristiche delle fonti di finanziamento scelte in modo iper analitico.

Questa analisi diventa il punto di partenza da cui prendere decisioni strategiche, basate sia sull’ottica forward looking (oggi sempre più richiesta agli imprenditori), che su una visione di Business Intelligence che parte dai dati per definire le migliori scelte imprenditoriali di domani.

Per ogni informazione sul software per la gestione della tesoreria GOLD ti invitiamo a contattarci qui.

Se hai trovato interessante questo contenuto condividilo:
Facebook
Twitter
LinkedIn
Redazione
La redazione di GOLD LA TESORERIA annovera professionisti specializzati nei settori della finanza, del fintech, del credito e della gestione di impresa. I contributi sono frutto dell’esperienza professionale e del costante studio, ricerche e studio di dati e statistiche.

Altre News

tesoreria e banche rapporto

La tesoreria e le banche: il rapporto che merita la tua attenzione

Tesoreria e banche: comprendere i punti di debolezza nella gestione di questo rapporto può talvolta risultare difficile alle aziende.
La coscienza è maturata nel lungo periodo oggi gli imprenditori hanno rivalutato il ruolo della tesoreria in funzione della corretta gestione dei fondi bancari, e non solo.

analisi del credito in azienda

Credito e banche: perché la Centrale dei Rischi è importante per tutte le imprese, compresa la tua

Dal punto di vista finanziario, le imprese vengono ‘giudicate’ e quindi affidate, secondo criteri alquanto complessi, che comprendono elaborazioni, regole e talvolta eccezioni che crescono in base alla struttura più o meno ampia e raffinata della banca.

Come può comportarsi l’impresa per migliorare l’accesso al credito?

E in generale per rafforzare la propria reputazione finanziaria?

La risposta è alla portata di tutte le imprese e riserva benefici sia nei rapporti verso le banche che verso l’intero mondo del credito. Scoprila in questo articolo.

excel gestione della tesoreria

Gestione della tesoreria: quando i limiti di Excel si fanno sentire

È un dato di fatto:  fino a poco tempo fa l’unico software per la gestione della tesoreria aziendale di largo impiego era Excel.
Excel è uno strumento basato sui fogli di calcolo che permette di generare documenti stampabili, oggi anche condivisibili in termini di spazio lavoro grazie agli sheet di Google, ma esiste un’alternativa più raffinata per gestire la tesoreria aziendale? La risposta è…

modifiche al codice della crisi di impresa ok

Quali modifiche al Codice della Crisi d’Impresa?

Quali sono le modifiche al Codice della Crisi d’Impresa?

Quali strategie è bene adottino le imprese in previsione dell’entrata in vigore a maggio 2022?

Risponde con chiarezza Franco Fiori, CEO di Counsel, azienda specializzata in finanza di impresa e consulenza specialistica di gestione finanziaria.

Partecipa ad una Dimostrazione di Gold La Tesoreria (senza impegno)

Richiedi una presentazione personale diretta (one to one) con orari da concordare
* Campi obbligatori

* Campi obbligatori

* Campi obbligatori

Abbiamo ricevuto la Tua richiesta

Grazie

Ti confermiamo che abbiamo ricevuto le informazioni.

Sarai ricontattato da helpdesk
o dai nostri referenti commerciali e di assistenza.

Abbiamo ricevuto la Tua richiesta

Grazie

Il modulo è stato inviato con successo!

Nella Tua casella di posta hai ricevuto una email di conferma.

Potrai assistere alla presentazione di Gold La Tesoreria.

Nelle prossime ore Ti contatteremo per confermare il Tuo appuntamento. 

A presto