Monitoraggio del Portafoglio Clienti e Tesoreria: il Rapporto

Vi è uno stretto legame fra tesoreria e monitoraggio del portafoglio clienti.

In primis per i preziosi dati che il primo comparto può offrire al secondo, nonché per il proficuo scambio di informazioni che ne può derivare.

Siamo d’accordo quando affermiamo che per un’azienda il portafoglio clienti è l’asset più prezioso.

È la linfa che permette all’attività, qualunque essa sia, di esistere in termini economici, sociali e di immagine.

La sua gestione rientra nel sale management, un settore affascinante quanto complesso, che per funzionare al meglio deve anche poter contare su dati precisi sul cash management che interessano i clienti.

In questi termini possiamo parlare di tesoreria e monitoraggio del portafoglio clienti come una segmentazione che va oltre i canali di vendita.

Ma anche oltre le modalità di fornitura, oltre anche la semplice divisione di tipologia di cliente quando esistente (B2B o BTC).

E sicuramente oltre la divisione per tipologia di sbocco di mercato.

Il monitoraggio del portafoglio clienti per le scelte di domani

Una puntuale segmentazione della clientela permette di delineare al meglio le fonti di redditività aziendale.

Al contempo l’analisi lavora profondamente sui costi, perché tutti sappiamo che il sale management è un comparto che richiede tempo e risorse perché possa funzionare al meglio.

In questo contesto, i dati che arrivano dalla precisa gestione della tesoreria possono non solo aiutare chi opera nel comparto commerciale a fare scelte lungimiranti, ma anche l’azienda nel suo complesso a delineare scelte e decisioni a breve, medio e lungo termine.

Si tratta di un’operazione di confronto, che la tesoreria permette di attuare perché fornisce dati sui crediti riscossi e sugli eventuali crediti ancora non saldati.

Questo aspetto corre di pari passo con l’analisi temporale, che permette a chi gestisce la tesoreria di estrapolare dati sulle tempistiche di pagamento.

Dai spendibili non solo per segmentare il portafoglio clienti in base a scelte di condizione, ma anche per comprendere dove è possibile migliorare i rapporti con gli istituti di credito.

Ecco che il rapporto fra tesoreria e monitoraggio del portafoglio clienti è un aspetto che chiede, in entrambi i comparti di poter contare di strumenti efficaci per funzionare al meglio.

Nel dettaglio, la precisa gestione della tesoreria può essere messa in pratica grazie a un altrettanto preciso sistema di Treasury Management digitale come GOLD, capace di offrire ai diversi comparti aziendali dati per effettuare valutazioni e previsioni realistiche.

L’analisi degli incassi nel monitoraggio del portafoglio clienti

Gli incassi puntuali dei crediti sono la linfa che permette all’azienda di prosperare e può essere verificato solo col corretto e completo monitoraggio del portafoglio clienti.

Viceversa, i mancati incassi sono ciò che può mettere in difficoltà l’azienda.

In entrambi i casi il rapporto con la tesoreria è stretto.

Perché il comparto deve monitorare i rapporti finanziari con i clienti, i tempi di incasso, la gestione delle distinte bancarie, i promemoria delle scadenze ed eventualmente i solleciti e gli insoluti.

tesoreria e monitoraggio portafoglio clienti

Ora, il primo e più concreto passo che l’azienda può fare in questo verso è la dotazione di un software per la gestione della tesoreria che possa rispondere al meglio a queste richieste, fornendo al comparto, tutti i dati che servono in modo ordinato.

Ciò che è interessante notare è che la buona gestione della tesoreria non si limita a questo, ma agisce sul monitoraggio del portafoglio clienti a tema credito, anche in modo previsionale.

Posto che l’azienda abbia messo in atto le politiche idonee per accertare la solvibilità dei clienti, poter capire in tempo reale il mancato rispetto delle condizioni, piuttosto che osservare le posizioni critiche e capire le dinamiche dei flussi effettivi è una condizione che rende l’azienda più forte.

Nel presente e nell’immediato futuro.

Perché tutto parte dai dati, dalla loro analisi incrociata e dalla possibilità di far dialogare tesoreria e monitoraggio del portafoglio clienti.

Dove il monitoraggio è parte di operazioni legate al sale management e dove la tesoreria può supportarlo fornendo dati precisi sui flussi di pagamento.

Ecco che il dialogo può diventare più aperto quando l’azienda sceglie di dotarsi di un software di Treasury Management che sappia fornire i dati in modo chiaro quanto completo.

Un software di eccellenza come GOLD La Tesoreria che aiuta l’azienda supportando il comparto del sale management con la fornitura di dati preziosi.

E fotografando una situazione che merita di essere condivisa con semplicità con gli altri assetti aziendali. Qui le caratteristiche del software di Treasury Management GOLD.

Il sollecito degli insoluti e la profilatura dei clienti

Il recupero dei credito e il sollecito degli insoluti sono attività di fondamentale importanza per ogni azienda.

Come può l’ufficio preposto avere a disposizione un chiaro quadro della situazione, legato al fattore temporale e quindi forte di monitorare gli insoluti nel dettaglio?

La risposta arriva dalla corretta gestione della tesoreria

Grazie all’utilizzo di un buon software di tesoreria, l’ufficio preposto può monitorare quale sono i clienti e che presentano degli insoluti e, di conseguenza, verificare se il mancato pagamento entro i termini stabiliti può essere considerato una prassi o un evento sporadico.

Si tratta di una caratteristica di grande importanza, che con ordine e chiarezza permette di eseguire una sorta di profilatura della clientela in termini di pagamenti e di insoluti.

L’ufficio può quindi valutare la natura del pagatore e, di conseguenza, stilare una sorta di ‘lista’ che può salvaguardare l’azienda da mancati pagamenti, anche cospicui, da fronteggiare in futuro.

La gestione degli insoluti si lega al monitoraggio del portafoglio clienti e quindi alla corretta gestione del cash flow e del rapporto delle banche.

Questo procedimento si rivela di grande importanza nel breve termine, nel lungo termine e in fase di redazione del business plan aziendale.

Il monitoraggio del portafoglio clienti frutto dell’analisi dei documenti contabili forniti dal software di tesoreria permette di lavorare non solo sulla valutazione pratica di ciò che è accaduto, ma predisporre delle future previsioni a livello di flusso di denaro e di rapporti con le banche.

Per sua natura, la tesoreria si fonda su una serie di dati che sfruttano un’interattività reale e il software permette di stampare delle schermate o delle liste di dati che possono essere tenute in archivio ai fini della rendicontazione e della valutazione.

Se la tesoriera viene usata con metodo, è inoltre fondamentale considerare il suo benefico legame con la contabilità, al fine di non ripetere le operazioni che sono state contabilizzate ed evitare al massimo le possibilità di fare errori.

Software di tesoreria: il monitoraggio degli insoluti giorno per giorno

Le aziende che operano con elevati flussi di clienti hanno la necessità di conoscere l’ammontare degli insoluti con frequenza quotidiana.

La gestione della tesoreria permette di effettuare questa mansione con estrema semplicità e il dialogo con la contabilità e con l’ufficio preposto alle comunicazioni con i clienti può quindi proporsi proficuo e lungimirante.

Un mancato pagamento deve, infatti, ricevere la giusta attenzione nei tempi e nella continuità qualora esistente.

Ma deve soprattutto diventare il punto di partenza per l’avvio di pratiche che interessano il contatto con il debitore, l’accordo nel pagamento come metodi e tempi e l’eventuale dilazione che l’azienda sceglie di applicare secondo modelli di business plan aziendale. 

Il buon software di tesoreria come GOLD permette quindi di monitorare il controllo degli insoluti con precisione, offrendo all’azienda uno strumento semplice moderno per la gestione dei flussi cassa.

Si tratta di un aiuto importante nel controllo dei crediti e un aggancio di grande utilità con gli altri uffici aziendali preposti alla comunicazione con la clientela e al recupero dei crediti insoluti.

Potrebbero interessarti anche...