Chiusura dei servizi in occasione del ponte del 25 Aprile. Informiamo che i nostri uffici resteranno chiusi i giorni giovedì 25 e venerdì 26 Aprile 2024. Durante la chiusura, il supporto telefonico e il servizio di Help Desk non saranno disponibili. Tutte le attività riprenderanno normalmente lunedì 29 Aprile 2024. Grazie, Il team di Albasoft – Padova.

I segnali di una possibile crisi di impresa e come prevenirli

superare crisi di impresa
Il nuovo Codice della Crisi d'Impresa dell'Insolvenza è una normativa che è stata scritta all'interno del Decreto Legislativo n.14 del 2019 e che recepisce una direttiva europea. Quindi, come tutte le direttive europee, può risultare complicato armonizzarla con il sistema legislativo italiano, tant’è che è stata tradotta attraverso 391 articoli e va a riscrivere completamente la disciplina che riguarda il fallimento e la composizione della crisi da sovraindebitamento. L'obiettivo del Codice della Crisi d'Impresa è definito: tentare di evitare l'insolvenza delle imprese. Come? Fondamentalmente attraverso l'individuazione preventiva di alcuni segnali di difficoltà, che le stesse imprese possono evidenziare. Parliamo di segnali, che le imprese oggi devono poter riconoscere per poter agire in via preventiva e salvaguardare l’attività, con tutto ciò che vi gravita attorno.

Tabella dei Contenuti

La differenza con la vecchia Legge sul fallimento

La vecchia Legge sul Fallimento aveva come obiettivo quello di fissare un termine, ovvero da un certo momento l’azienda non esisteva più e, con la cessazione dell’attività, si verificava ovviamente una perdita di valore.

Perdita sia per l’impresa, che era un’organizzazione di mezzi e di persone che generava valore, ma anche e soprattutto per tutta la platea di fornitori e dipendenti che vi gravitava attorno.

Il nuovo Codice della Crisi d’Impresa ha, invece, un obiettivo diverso: gestire preventivamente la crisi, per salvare l’impresa.

In sostanza, attraverso l’individuazione di segnali di difficoltà e attraverso l’impegno a provare a gestirli prima, si cerca di salvare la vita dell’impresa. 

In questo senso, la crisi non viene vissuta come un taglio netto tra l’esistenza dell’impresa e la cessazione della stessa, ma come un fenomeno che può far parte della vita dell’attività.

analisi crisi di impresa

Quali sono i segnali di difficoltà per l’azienda?

Proviamo a capire quali sono i segnali di difficoltà che indicano una possibile crisi di impresa. 

Il primo è dato da squilibri di carattere reddituale, patrimoniale e finanziario

Un esempio è:

  • la sostenibilità dei debiti per i sei mesi successivi, ovvero la sostenibilità degli oneri finanziari con i flussi di cassa 
  • il rapporto tra mezzi propri e mezzi di terzi, quindi la situazione patrimoniale dell’azienda. 

E, ovviamente, il ritardo dei pagamenti.

Come mettere nero su bianco questi squilibri?

Come definirli in modo analitico?

Il nuovo Codice della Crisi di Impresa introduce una serie di identificatori, che permettono di definire e quindi di capire quali sono i momenti di difficoltà dell’azienda. 

crisi di impresa e gestione

Quali sono questi identificatori?

L’ultima versione del Codice prevede, ad esempio, che tra i ritardi dei pagamenti ci siano le retribuzioni non pagate per almeno 30 giorni, pari al 50% delle retribuzioni mensili. 

In sostanza, si tratta di aspetti che toccano le aziende, come i debiti verso i fornitori scaduti da almeno 90 giorni o le esposizioni nei confronti di banche scadute da 60 giorni (ad esempio rateali, magari già a due mesi, ma che l’azienda non sta pagando).

indizi crisi di impresa

L’aspetto dei creditori pubblici qualificati: lo scenario

I creditori pubblici qualificati (Inps, Inail, Agenzia delle Entrate, eccetera) hanno un ruolo diverso rispetto a quello degli altri fornitori, che possono essere banche o aziende.

Se i creditori pubblici NON vengono saldati sono tenuti ad effettuare una segnalazione immediata all’imprenditore e, in un secondo momento, a segnalare l’azienda.

In sostanza, si crea uno scenario in cui i creditori pubblici qualificati devono essere saldati prima degli altri, altrimenti scatta una segnalazione.

E l’azienda può trovarsi, in questi casi, in estrema difficoltà.

Come evitare?

È vitale fare un’analisi precoce, effettuare una diagnosi all’interno dell’attività, come fondamentalmente la normativa prevede, ovvero l’azienda deve dotarsi di due strumenti. 

Il primo è un apparato di controllo, dove per apparato di controllo si parla sia di un collegio sindacale o similare, in base al volume d’affari dell’azienda, ma anche di tutta una serie di persone all’interno dell’azienda che devono essere deputate a questo ruolo. 

Il secondo, anch’esso identificabile come set di controllo, è l’insieme degli strumenti informatici che permettono all’azienda di verificare quali sono i propri indici della crisi di Impresa. 

L’apparato di controllo organizzativo, assieme all’apporto di controllo tecnologico/informatico  sono gli strumenti che permettono di far emergere un’eventuale crisi di liquidità. 

tavolo di lavoro - formazione in gestione della tesoreria aziendale

Gli strumenti informatici per prevenire la crisi

In questa richiesta sta la grande differenza fra la Ex Legge Fallimentare e il nuovo Codice della Crisi di Impresa, che prevede importanti responsabilità per gli amministratori qualora l’azienda non si organizzi per gestire questi indicatori e si trovi, in un secondo momento, ad essere ‘invischiata’ all’interno della procedura dell’organismo di composizione della crisi. 

Gli strumenti informatici oggi ci sono e sono eccellenti dal punto di vista della funzionalità, della condivisibilità e della semplicità di utilizzo.

GOLD La Tesoreria, software leader in Italia nella gestione della tesoreria risponde proprio a questa esigenza, grazie a un formato costruito sulle esigenze stesse delle aziende e migliorato, con il loro aiuto e il loro supporto nel corso del tempo.

Oggi puoi richiedere una DEMO gratuita del software per la gestione della tesoreria GOLD, per capire quali sono le sue funzionalità e come applicarle nella tua impresa.

Clicca qui per richiedere la DEMO e avere maggiori informazioni.

Fonti: Il Codice della Crisi di Impresa in Gazzetta Ufficiale

Se hai trovato interessante questo contenuto condividilo:
Facebook
Twitter
LinkedIn
Redazione
La redazione di GOLD LA TESORERIA annovera professionisti specializzati nei settori della finanza, del fintech, del credito e della gestione di impresa. I contributi sono frutto dell’esperienza professionale e del costante studio, ricerche e studio di dati e statistiche.

Altre News

Moratorie del credito: come affrontarle

Le moratorie del credito stanno per terminare, in più si profilano nei prossime mesi delle scadenze stringenti per le banche come le segnalazioni di default.

Cosa cambia per le aziende?
Quali sono le scadenze da considerare?
Scopriamolo in questo articolo di analisi e approfondimento dedicato agli imprenditori.

seaside partnership

Albasoft è partner SEASIDE per Savemixer™

La gestione dell’efficientamento energetico è un tema di grande attualità. Molte aziende, soprattutto le più lungimiranti, stanno infattipromuovendo politiche specifiche su questo tema, pensate e messe

un ragazzo e due ragzze che usano il software Gold la tesoreria per la gestione del cash flow

5 indicatori che mostrano che stai sfruttando al meglio il software GOLD La Tesoreria

Questo articolo è dedicato a chi già possiede il software per la gestione della tesoreria GOLD e anche a chi vuole cominciare a gestire al meglio questo importantissimo comparto aziendale.

Troverai risposte a domande frequenti e molto importanti, quali: riesco a prevedere gli incassi della mia azienda? I miei processi aziendali sono ordinati? La mia impresa è in grado di far fronte a debiti futuri? Come posso gestire i rischi finanziari? Scoprilo subito!

reputazione finanziaria monitoraggio centrale dei rischi

Speciale: come tenere sotto stretto monitoraggio la propria reputazione finanziaria?

Quanti affidamenti servono all’azienda?

Quanti oneri finanziari diretti si possono risparmiare?

Quante garanzie è opportuno lasciare?

All’imprenditore servono dati precisi per rispondere a queste domande e l’analisi della Centrale Rischi risponde perfettamente a questa esigenza.

Perché è l’attività e lo strumento che permette di conoscere (a volte scoprire), verificare e comprendere i dati che costruiscono la reputazione finanziaria di un’impresa.

Il tutto, in modo chiaro e puntuale. Ne parliamo in questo articolo.

Partecipa ad una Dimostrazione di Gold La Tesoreria (senza impegno)

Richiedi una presentazione personale diretta (one to one) con orari da concordare
* Campi obbligatori

* Campi obbligatori

* Campi obbligatori

Abbiamo ricevuto la Tua richiesta

Grazie

Ti confermiamo che abbiamo ricevuto le informazioni.

Sarai ricontattato da helpdesk
o dai nostri referenti commerciali e di assistenza.

Abbiamo ricevuto la Tua richiesta

Grazie

Il modulo è stato inviato con successo!

Nella Tua casella di posta hai ricevuto una email di conferma.

Potrai assistere alla presentazione di Gold La Tesoreria.

Nelle prossime ore Ti contatteremo per confermare il Tuo appuntamento. 

A presto